martedì 20 settembre 2011

Tiriamo un po' di somme



Lo ammetto, anche se me la cavavo, la matematica non è mai stata di mio gradimento, quindi niente numeri, solo un paio di bizzarre conclusioni a cui sono arrivata. Cercherò di essere veloce perché appena sono libera dalle fauci della casa, dovrei andare alla posta.


Come scritto nei precedenti post, negli ultimi tempi ho contattato alcune agenzie letterarie, e buona parte di queste mi ha risposto. Alcune facevano pagare la rappresentanza subito, tra l'altro con cifre astronomiche; le ho scartate e non considero il loro giudizio, che per molti versi mi sembra il giudizio delle case editrici a pagamento, con la differenza che dicono che la scrittura è da cambiare (perché devi pagare - con il sangue- l'editing).

Il giudizio in generale delle altre agenzie -non farò i loro nomi- mi è parso un po' confuso o comunque io non ho capito del tutto il loro rifiuto. Nello specifico: il romanzo ha diversi spunti interessanti; la trama ha un buon intreccio; la protagonista ha un carattere interessante, in crescita e coerente; la scrittura è molto buona (due agenzie mi hanno scritto che ho un bellissimo modo di scrivere, il che mi ha fatta gongolare per un po'... eh, eeehm... ooocchei!), priva di errori significativi, a tratti evocativa, pittorica, che scorre bene, anche se da rivedere nei refusi e in alcuni passaggi che possono risultare pesanti per il lettore; buona la gestione di personaggi ed eventi in un lungo arco temporale; "la trama in sé dimostra una capacità di inventiva non comune, visto che sei riuscita a costruire un vero e proprio mondo, con una struttura sociale, politica e antropologica ben studiata e ben delineata." (questo tra virgolette, l'ho copia-incollato, spero che il suo autore non me ne voglia); spunti originali; potenzialmente commerciabile. MAaaa, non li convince.

Per motivi esclusivamente soggettivi. Una delle agenzie mi ha solo detto che non li convinceva, senza spiegazioni; un'altra che non riusciva a visualizzare i luoghi (che in parte si scontra con quello detto da altri), e una che c'erano troppi dettagli che potevano risultare fastidiosi. Due agenzie non erano convinte della narrazione in prima persona.


Alcune di queste mail, non tutte, le ho rigirate a mie amiche che hanno letto il testo: so che non possono essere del tutto oggettive, ma hanno avuto la mia stessa sensazione.


Queste risposte sono arrivate da agenzie letterarie grosse; delle piccole, escluse quelle sopracitate, solo una è interessata, quindi inizierò il lavoro con lei, perché anche se piccolina mi sembra un'agenzia seria, senza prezzi esorbitanti e molto chiara nel suo lavoro.

In realtà, persone che lavorano all'interno del mondo editoriale mi hanno detto che le grandi agenzie non si occupano di esordienti, e in effetti un paio (mi sembra) non mi ha neppure risposto. Però altre mi hanno risposto, e hanno anche perso tempo a leggere il mio romanzo, quindi, se non fossero state interessate a un'esordiente, non mi avrebbero neppure letta, giusto?


Insomma, il mio libro è, ohibò, quasi anche "fico", però, mah, chissà, c'è "qualcosa" di non meglio definito che non convince. Tirando le somme, il mondo dell'editoria continua a rimanere un mistero, per me.


14 commenti:

  1. Ciao grazie per la visita, qui da noi va tutto abbastanza bene, con alti e bassi come sempre e piccoli amici che ci lasciano purtroppo!
    Le mie creazioni art attackkose, le metterò in un post, quando riuscirò a trasferire le foto sul computer XD.
    E da ta tutto ok?

    P.S.:non abbatterti mi raccomando ^_^

    RispondiElimina
  2. Oooooh che fico, ho trovato come sorvolare il problema del login nei commenti!


    Ciao, Fly! Grazie a te : ) Io tutt'ok? Mmmm, un'altra domanda?!
    Sono curiosa di vedere cosa hai creato, io mi sto dando alla pittura.

    Ma la storia degli amici che ti lasciano... quanto è seria? Spero non così tanto.

    Un bacione
    Dil CheOraSiFirma

    RispondiElimina
  3. "Piccoli amici che ci lasciano" mi riferivo a Rocco il cricetino di Lisbeth...poverino era tanto piccolo, ma ha lasciato un grande vuoto...

    RispondiElimina
  4. Uuuuh povero : (
    Capisco benissimo cosa voglia dire. Noi abbiamo perso (nel senso che è sparito) il nostro cane, a marzo, ancora ci manca.

    RispondiElimina
  5. Il mondo dell'editoria è davvero un mistero purtroppo :( Io non sopporto il fatto che non risponda quasi mai nessuno... tranne qualche anima buona XD
    Non mollare Dilhani! Anche il mio sogno era quello di essere pubblicata, e ho lasciato un po' perdere a dire il vero. In realtà non ho nemmeno scritto più niente.
    Vedo che si parla del mio Rocco, il mio cricetino :3 Penso sempre a lui :C

    RispondiElimina
  6. Ciao Dilhani ^^ grazie per la visita al mio blog, mi ha fatto molto piacere =)
    Non ho ancora avuto modo di leggere Fairy Love, come mi chiedevi.. era lì ad attendere sul comodino, ma poi è arrivato settembre, e con esso le case editrici hanno deciso di sommergerci di libri da recensire, e quindi la lettura dovrà slittare ancora per un po' U.U
    Se ti interessa, una volta letto, ti farò sapere cosa ne penso ^^
    Per la tua situazione non saprei cosa dirti.. i giudizi di queste CE non sono negativi, in ogni caso, quindi il tuo libro di possibilità ne ha eccome! Sii felice di questo ^^
    Anche io sono terrorizzata dal fatto che in futuro, se dovessi tentare la pubblicazione, potrebbero chiedermi di modificare molte cose ç_ç ahhh, non pensiamoci, che è meglio ^^"
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  7. Eccomi!!! su di una cosa sono d'accordo con Rowan (che spero non me ne vorrà se la cito) " i giudizi di queste CE non sono negativi, in ogni caso, quindi il tuo libro di possibilità ne ha eccome! Sii felice di questo ^^" e questo è UN DATO DI FATTO!!
    Ora il mondo dell'editoria non è un mistero a mio parere (e vi prego di perdonare quello che potrebbe sembrare cinismo, ma vi assicuro che non lo è!!)è solo ed esclusivamente un business!! E diciamocelo, in quanto tale, nessuno lo fa più per la cultura e la promozione didattica o ludica della massa, ma per il soldo!! Brutto? assolutamente si!! Ingiusto? La maggior parte delle volte!!
    Alla luce di ciò: ora non è un momento felice per l'editoria che per non crollare su se stessa va avanti a mode (vedi moda "magia" dopo Harry Potter o moda "vampiri/licantropi" dopo la saga della Meyer), stiamo parlando di cifre forti, di boom commerciali (specie per quel che riguarda Twilight) abbastanza elementari. Storie complesse, articolate e riflessive su temi scottanti come la tua, piccoletta, non piacciono e spaventano!!!
    Questo non significa che non ci sia speranza, che serve solo la costanza (nota che non ho detto pazienza!!) di non lasciare che questo momento infelice ci schiacci!!! Le cose cambieranno (si evolvono sempre!!!) bisogna solo farsi trovare pronti!!
    Hai trovato una persona seria che senza chiederti (bè praticamente di pubblicarti il libro da sola!!)ti potrebbe dare una chance, che in questo panorama non è una cosa da poco!!! Lavora su questo e non abbatterti perchè pure scartandoti hanno dovuto ammettere la qualità di quello che gli hai mandato!!!
    Un abbraccio immenso piccoletta!!!Immenso!!

    RispondiElimina
  8. @Lis, ma non scrivi per altri motivi, voglio sperare..?.
    La perdita di un nostro animaletto è sempre un gran dolore, anche se molte persone non riescono a capirlo.

    RispondiElimina
  9. @Rowan, grazie a te.
    Per Fairy Love, attendo tue notizie, anche se lo ammetto, ad attirarmi era la copertina :p
    Sì, inutile pensarci: tu scrivi, poi si vedrà. Io ho scritto (e sto scrivendo) e al momento sono un po' demoralizzata, ma questo in parte è perché ci sono un po' di cose che non vanno in porto, quindi sommate mi rendono un pochino disillusa.

    @Sil, grazie per essere passata (che faticaccia, eh?! ;P).
    Quello che dici lo so già, e hai perfettamente ragione, non lo posso negare. Ma di fatto, l'editoria rimane un mistero quando leggi libri insulsi, senza successo -e ne leggo spesso- e quindi ti domandi perché quelli siano stati pubblicati. Tra l'altro se un libro è giudicato potenzialmente commerciabile, vuol dire che dovrebbe vendere, altrimenti ti dicono "bel libro, ma non è commerciabile".
    Perché dici "tema scottante"? Nel senso che se lo è, non lo è più di libri che parlano di guerra e simili (per esempio i fantasy in generale, o i vari libri della Nord...); o forse non ho capito bene a cosa ti riferisci.
    Abbracciotto anche a te : )

    RispondiElimina
  10. Sì, non è per i rifiuti editoriali. Ho solo perso un po' l'ispirazione... ma spero voglia tornare un giorno o l'altro!!!

    RispondiElimina
  11. Sarò onesto, ma lo sai come sono: chi ti chiede dei soldi per leggere o pubblicare non lo considero neanche di striscio. Sono dei businessman, null'altro che questo, le cui lettere, nella più parte dei casi - facciamo pure il 99% - sono uguali per tutti: gli arriva un romanzo, bene, hanno la lettera già pronta, devono solo apporre il nome del destinatario e il nome dell'opera che gli è stata inviata. Come hai ben arguito mirano a levarti dalle tasche un bel po' di soldi, riscrivendo poi in toto il tuo romanzo dicendo che stanno facendo lavoro di editing. Io sono contro l'editing selvaggio, che finisce con lo snaturare l'opera originale. Un conto è aggiustare delle frasi per renderle meno ostiche a un pubblico incapace di leggere; emendare i refusi; magari scegliere di operare delle cesure a favore della scorrevolezza. Tutt'altra cosa è prendere l'idea originale e riscrivere il romanzo: anche se tu avessi dei soldi da sprecare con simili agenzie, io direi che ciò è più che mai umiliante.

    Porta molta attenzione e a chi denigra il tuo lavoro e a chi leva lodi sperticate: entrambi potrebbero volere soldi.

    Personalmente non pago né per farmi leggere né per farmi pubblicare. Sono io la mia agenzia letteraria, anche se così, non te lo nego, è molto più difficile, ma ciò non significa che non vengano poi dei risultati - che però non mi va di sventolare adesso; a tempo debito lo farò sui miei blog.

    L'editoria è un mondo, non troppo diverso da quello della politica, per cui sempre camminare coi piedi di piombo e guardarsi le spalle. E quando invii dei lavori, mi raccomando, tutelati: saprai bene che è all'ordine del giorno che editori ed editor rubino le idee altrui.

    Un bacione, Rosellina, felicissimo d'averti trovata... ritrovata.

    Gius

    RispondiElimina
  12. Io sono contraria all'EAP, Gius, quindi concordo in pieno!
    Bacione a te ^^

    RispondiElimina
  13. Ehm, ero io...
    Dil

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails